Eventi

Calendario

Ultimo mese Dicembre 2017 Prossimo mese
L M M G V S D
week 48 1 2 3
week 49 4 5 6 7 8 9 10
week 50 11 12 13 14 15 16 17
week 51 18 19 20 21 22 23 24
week 52 25 26 27 28 29 30 31
Ultimo mese Gennaio 2018 Prossimo mese
L M M G V S D
week 1 1 2 3 4 5 6 7
week 2 8 9 10 11 12 13 14
week 3 15 16 17 18 19 20 21
week 4 22 23 24 25 26 27 28
week 5 29 30 31

Accesso riservato

Condividi su

Submit to DeliciousSubmit to DiggSubmit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to StumbleuponSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

La Storia del Gruppo

Lo scautismo a Mussolente è arrivato dalla vicina Bassano del Grappa, attraverso alcuni giovani che, frequentando le scuole o alcune amicizie e conosciuto il movimento, vi aderirono per alcuni anni. Così dal 1969 al 1973 questi giovani hanno proposto ad altri giovani di Mussolente alcune esperienze tipiche scout. Parte di questi hanno trovato entusiasmo e, con o senza capi, cercarono di continuare in questi 4 anni fino all'agosto del 1973.
Dal Settembre del 1973 due ragazzi con il cappellano decidono di dare una fisionomia precisa a questo fermento di ragazzi, decidendo così di formare un reparto scout che prende il nome di Claudio Muttin (giovane scout bassanese morto durante le attività). Inizia in questa maniera il primo anno con un ritmo costante di attività proprie: uscite, campi, imprese e riunioni. Cose mai viste e mai vissute fino a quel momento. Lo staff cerca in questo anno (1974) di verificare la validità del metodo, analizzando il suo possibile adattamento ai ragazzi di questo paese con esigenze, tradizioni e culture diverse da quelle della cittadina bassanese. Un'ulteriore analisi andava svolta sulla capacità di gestire in modo corretto questo nuovo movimento nel paese. Le difficoltà iniziali erano molteplici: le autorità del comune non collaborarono, una parte della comunità parrocchiale non accettò subito tale iniziativa proprio per le sue caratteristiche senza contare le difficoltà economiche, anche se la vita allora costava assai poco.
Una quindicina di ragazzi dagli 11 ai 16 anni giocarono per un anno il gioco scout con i limiti dello staff che, tralasciando un elemento, per gli altri due era tutto novità . Successivamente nel Dicembre 74 ci fù il primo censimento A.G.E.S.C.I. nuova fusione tra A.G.I. femminile e A.S.C.I. maschile: un momento storico per lo scautismo italiano nonchè per il nostro paese.
Con molto entusiasmo i ragazzi, capi compresi, manifestarono la loro gioia nel giocare allo scoutismo, facendo in modo che anche un gruppetto di ragazze (circa 10) e due animatrici, una delle quali suora, aderissero a questo movimento.
Così, nel momento del secondo censimento, dopo aver interpellato i responsabili di zona di Vicenza (dicembre 1975), furono censiti oltre al reparto maschile, il primo noviziato di 8 maschi e 8 femmine compresa una piccola comunità capi di 6 persone.

Lo scautismo, senza quasi rendersene conto, prende piede, crescendo assieme alle difficoltà ma anche con tanto entusiasmo.
A fine anno 1976 si contano: 19 persone in reparto maschile, 8 persone nel reparto femminile Edelweiss, 12 persone in clan/fuoco e una comunità capi di 10 presenti per un totale di 49 persone. Con l'aiuto di Dio il gruppo continua a crescere, coinvolgendo non solo giovani del paese ma di altri paesi limititrofi: Casoni, S. Zenone, S. Zeno. Durante gli anni di attività, forti sono stati i momenti passati con la zona di Vicenza e zona Trevalli, che hanno permesso al gruppo di lasciare un'impronta indelebile della sua grinta e tenacia. Nell'anno 1995 è stato aperto il "Branco della Luna Piena" e il gruppo è stato passato alla zona di Castelfranco Veneto, lasciando vecchie amicizie per quelle nuove. Il passaggio non è stato del tutto semplice poichè i legami erano consolidati ma come sempre nello scautismo le difficoltà , se affrontate con stile, fanno crescere e danno frutti.
Al giorno d'oggi lo scautismo a Mussolente è ormai divenuto cultura e tradizione misquilese vantando di aver oltrepassato un trentennale di attività .
Il censimento del trentennale 2004/2005 conta: 30 lupetti, 27 esploratori, 33 guide, 18 novizi, 17 rover e 18 capi per un totale di 134 persone. Durante i 30 anni sono stati censiti oltre 630 scout di cui circa un centinaio hanno prestato servizio come capi.
Nella serata del 9 Marzo 2005, molti capi che hanno prestato servizio all'interno della comunità assieme a quelli che lo prestano tutt'ora, si sono ritrovati per festeggiare il trentennale. Si riporta una frase di Giovanni Stocco durante l'evento:

Per dare valore al nostro servizio, fatto per testimoniare una promessa e un fazzolettone giallo, vogliamo riflettere sul cammino svolto fino ad oggi perchè se è importante guardare avanti sul sentiero lo è anche girarsi indietro per osservare il dislivello e la fatica compiuti, per attingervi nuovo vigore nella salita.